image1

 

         Autori vari

       "Coro"

 La parola “Antologia” deriva dal greco anthología (da ánthos fiore e légo raccolgo), il cui significato era in origine “raccolta di fiori”, passato già nell’antichità a  significare raccolta di  testi estratti da opere più ampie, o di un autore solo o di più autori. Florilegio la chiamavano i latini e nella tradizione letteraria italiana è stato  spesso usato il termine di crestomazia.  Le Antologie hanno quindi da sempre svolto un compito importante nella diffusione della cultura, in quanto hanno da sempre  costituito un validissimo ed efficace strumento  divulgativo per far conoscere autori più noti e meno noti nello stesso volume, attraverso scelte significative di loro testi  in uno spazio “ristretto” di alcuni testi. In questo volume  intitolato “Coro” infatti si mescolano e si armonizzano alterne voci maschili e femminili, di giovani e di meno  giovani, voci poetiche accomunate tutte dalla passione di scrivere di sé  e dell’oltre da sé: ciascun autore, a propria discrezione, ha presentato testi di varia portata e  natura, così si spazia dalla poesia d’amore a quella introspettiva, dalla poesia d’impegno  alla forma più musicale della parola poetica e delle suggestioni che possa  evocare. Una varietà di significati e di significanti per segnare sulla pagina bianca il proprio indelebile  senso.
 
 
 
 
 
 
 

          Autori vari  

       "L'immenso Breve"

 Tra i molti aspetti peculiari della cultura orientale, in particolare nipponica, c’è il rapporto con la natura che da sempre riveste una assoluta “centralità” rispetto alla  conseguente “perifericità” dell’uomo. Non c’è prevaricazione del pensiero soggettivo sulla realtà oggettiva, ma un fertile confronto che arricchisce la dimensione  spirituale.  In questo contesto, l’haiku è una rappresentazione semplificata al massimo (di un fenomeno o di un’associazione/contrapposizione di fenomeni) che lo  haijin, il poeta  viandante, osserva nel suo peregrinare scrutando la natura. La poeticità non è insita nella rappresentazione ma è suggerita da essa al lettore così come  percepita  dall’autore nel momento in cui l’ha osservata e cristallizzata in versi. È solo la cronaca di un’epifania, non degli effetti intimi che essa ha indotto nell’io  poetante: tale  quindi da lasciare al lettore la libertà di cogliere da sé ogni effetto suggeritogli dalla propria sensibilità. L’haiku non è un momento lirico in cui  confluiscono immagini ed  emozioni o pensieri ma solo la visualizzazione di semplici accadimenti che suscitino reazioni nel lettore. È il messaggio per una fruizione  spontanea, attiva, mai passiva,  semmai interattiva tra autore e fruitore.

 

 

 

 

           Autori vari   

        "Orme di noi"

 Parlare di haiku, specialmente in quest’epoca dominata dai social network e dalle miriadi di Gruppi che quotidianamente nascono e muoiono, è questione piuttosto  complessa. L’assenza quasi totale di univocità nel trattare le caratteristiche (formali e contenutistiche) di questo genere poetico, unitamente alla pretesa auto-  referenzialità dei  suddetti gruppi, infatti, rende particolarmente difficile, per un neofita, l’acquisizione di solide basi concettuali. In questo mare magnum di voci spesso  contrastati, dunque, merita  una menzione particolare il Gruppo Haiku tradizionali che, pur senza porsi in aperto conflitto con le altre “scuole di pensiero”, lavora da  tempo in direzione di una migliore e più  chiara comprensione del “fenomeno haiku”. La presente antologia racchiude, in tal senso, i migliori contributi poetici pervenuti  all’Organizzazione. Migliori non soltanto per  evocatività d’immagini, accostamento al “qui e ora” di matrice Zen o alla dimensione naturale tanto difesa da Maestri del  calibro di Seki Ōsuga (1881-1920) e Takahama Kyoshi  (1874-1959), ma anche per aderenza ai canoni tradizionali, consolidatisi a partire dall’esperienza lirica della  Scuola Shōmon e giunti sino ai giorni nostri.

 Dalla Prefazione di Luca Cenisi

 

 

 

 

            I Concorso Nazionale

         "Memorial Miriam Sermoneta"

 I Concorso Nazionale "Memorial Miriam Sermoneta" Il Premio Letterario Nazionale ‘Memorial Miriam Sermoneta’ è alla sua prima edizione e nasce dopo la prematura  scomparsa di  Miriam Sermoneta, giovane guardia giurata. Il gesto estremo di togliersi la vita è un fatto da non sottovalutare e quindi da non dimenticare. Soprattutto  per ricordare Miriam,  questa ragazza dolcissima e sensibile. La solitudine l’ha inghiottita in una voragine senza fondo. Per questa ragione è stato riservato un posto  speciale, nel Concorso, alla sezione  a tema ‘la solitudine’. La straordinaria partecipazione in termini di opere scritte, che si è registrata nella prima edizione, conferisce  gratificazione agli organizzatori ed ai  partecipanti. Tutto questo non potrà essere che lo stimolo a migliorare ancora il concorso e renderlo viva memoria negli anni  successivi.  Leggendo l’Antologia ognuno si  arricchirà di poesia e narrativa-breve, per questo si ringraziano tutti gli autori che hanno arricchito delle pagine bianche con  la loro anima e il loro cuore, donando emozione e  rendendo la memoria di Miriam più viva che mai.

 

 

 

           Autori vari  

        "Il canto dei Poeti"

 Questa antologia è la testimonianza diretta di ciò che può ‘costruire’ la poesia. Unire anime e penne sensibili nel contribuire ad un progetto di sensibilizzazione. Il progetto nasce  in due gruppi di poesia di facebook, dove tanti autori pubblicano le loro opere. Il canto dei poeti, amministrato da Pattyrose (Patrizia Portoghese) e Le Stanze di LunaNera,  amministrato dall’Associazione Culturale LunaNera. I due gruppi contano circa duemila iscritti. In una corale di versi e sentimenti si specchiano le diverse testimonianze tradotte in  poesia. Un libro di poesie per far beneficenza, cosa che non tutti gli editori fanno. Dunque un invito alla lettura, ad unire i cuori, con tutto l’amore e l’impegno possibili. La  poesia aiuta a vivere! La poesia ci aiuta a vivere! Un’antologia poetica è una raccolta che unisce i versi che appartengono ad ognuno di noi. Un progetto di cultura e  condivisione, saldamente legato allo scrivere. Esprime il nostro “io” più profondo offrendo nel suo spazio ristretto una scelta significativa di generi diversi. 

 

 

 

                                                                  

                                                        Autori vari

                          "Divagazioni d'Arte"

Non so perché ma, pensando, divagando, tra il dove e il come di Roma, da romana quale sono, penso ai rapporti con chi viene prima di me, con i “genitori”. Di chi? Miei, degli altri, della stessa città. Ma di chi parlo? Di “quelli” che, amici miei, come scrive Cesare Pascarella nel celebre inizio della Fondazione di Roma in Storia nostra, “ereno gente/che prima de fa’ un passo ce pensaveno. /Dunque, si er posto nun era eccellente, /che te credi che ce la fabbricaveno?”. Mi rendo conto come un’affermazione del genere possa far supporre che riflettere sulla romanità urbanistica, artisticoculturale, topico-religiosa -rafforzata, nel concorso Divagazioni d’Arte, dalla presenza della fotografia- coincida con una propensione per il passato che tutti i giorni, in ogni angolo della città, in qualsiasi pagina delle opere scritte su di essa, si proietta, però, verso il futuro. Non perché la città sia più antica che moderna: basta infatti con la retorica delle antiche glorie. Il turismo mondiale visita la capitale per provare cosa voglia dire trovarsi oggi nell’arena del Colosseo, e non si veste da centurione ma tira fuori dal taschino lo smartphone con il quale ne vuole riportare a casa, catturandolo, l’hic et nunc.

dalla Prefazione di Cinzia Baldazzi

 

 

 

                                                            Autori vari

                                 "Il Canto dei Poeti"  Vol.II                           

Siamo come note su un pentagramma, scrittori di emozioni che vibrano al suono della poesia. È un canto il nostro che vede nascere la seconda Antologia de Il Canto dei Poeti, una nuova e bella testimonianza di ciò che può costruire la poesia, un progetto editoriale che vede uniti tanti autori con le loro opere. Un invito a costruire un ponte tra i versi e il comune sentire, saldamente legato alla passione dello scrivere. Questo secondo volume si fa ancora più ricco del precedente, grazie ai contributi fotografici riprodotti in prima e quarta di copertina, scatti dei fotografi appartenenti al gruppo facebook “Fotoforum - Attimi nel Tempo” che ringraziamo per la disponibilità e la voglia di contribuire, con le loro abilità, alla realizzazione di un vero e proprio progetto artistico.

dalla Prefazione di Patrizia Portoghese e Veruska Vertuani

 

 

 

                                       Autori vari

                  "Divagazione d'Arte"  II Ed.

Anche questa II edizione del Concorso Letterario e Fotografico Divagazioni D’Arte ha visto numerosi partecipanti, tra i quali giovani cultori dalla penna poetica e narrativa. Il Concorso è nato in seguito ad un’idea dello Staff del Caffè Letterario Mameli27 in collaborazione con la poetessa Veruska Vertuani e i fotografi Giovanni Mura e Maurizio Salese, amministratori del Gruppo FB - Fotoforum Attimi nel Tempo - i quali si occupano del coordinamento del concorso stesso. Tre sono le arti che finora hanno arricchito Divagazioni D’Arte: la poesia, la narrativa e la fotografia. Crediamo che le arti abbiano la prerogativa di trasmettere e tramandare le emozioni umane in modo assoluto. Per questo ci impegniamo da due anni a organizzarlo. Anche quest’anno il Mameli devolverà parte del ricavato a chi ne ha bisogno. Nella fattispecie l’importo sarà consegnato ai titolari di una piccola azienda agricola che ha subito danni in seguito al terremoto dell’agosto 2016 nel centro Italia. Un immenso grazie a tutti gli autori partecipanti, ai giudici che si sono prestati per le valutazioni e all’Associazione Culturale “LunaNera” Edizioni, sempre pronta a trasferire su carta le “divagazioni” dei partecipanti.

Prefazione a cura dell’organizzazione del Mameli 27 e dei coordinatori del concorso

 

2017  associazione lunanera